Mentre gli stili di carta da parati vanno e vengono nelle tendenze dell’arredamento domestico, una cosa rimane costante. La carta da parati deve essere pulita regolarmente perché ogni tipo di carta da parati raccoglie polvere, particelle di grasso presenti nell’aria, sporcizia e impronte digitali attorno agli interruttori della luce. Ma con pochi strumenti e materiali di consumo, puoi mantenere la carta da parati luminosa e pulita.

Quanto spesso pulire lo sfondo

Lo sfondo dovrebbe essere spolverato almeno ogni due mesi, mensilmente se vivi in ​​una zona molto polverosa. Macchie e schizzi di grasso devono essere rimossi immediatamente e la muffa deve essere trattata non appena è evidente.

Prima di iniziare

Prima di passare oltre la polvere, è essenziale sapere che tipo di carta da parati hai in casa per evitare danni causati da metodi e prodotti di pulizia.

avvertimento

Se non sei sicuro del tipo di carta da parati che hai, provalo per assicurarti che possa essere pulito. Mescola una o due gocce di detersivo per piatti in una tazza di acqua calda. Applicare una piccola quantità di soluzione su un’area nascosta dello sfondo. Se l’acqua si impregna o il colore sanguina, non tentare di effettuare una pulizia generale o utilizzare soluzioni a base d’acqua sulle macchie.

Vinile

La carta da parati in vinile e il tessuto e le carte rivestiti in vinile sono tra i più resistenti e facili da pulire. Resistenti ai danni causati dall’acqua e dalla maggior parte dei prodotti per la pulizia, si trovano spesso nei bagni e nelle cucine.

lana di vetro

La carta da parati in fibra di vetro ultra resistente, ignifuga e resistente allo sbiadimento si trova spesso in ambienti commerciali. Resiste bene allo sfregamento e all’esposizione ripetuta all’umidità.

Leggi anche  Come pulire le scarpe bianche

Tessuto non tessuto

Parte dell’ultima tendenza delle carte da parati, le carte non tessute sono una miscela di fibre sintetiche e naturali simili nella produzione ai filtri per caffè. Mentre sono resistenti allo strappo e permettono alle pareti di respirare, non sono lavabili e le macchie sono estremamente difficili da rimuovere.

Carta tradizionale, stagnola e floccata

Realizzata in fibre di cellulosa, la carta da parati tradizionale può essere a singolo o doppio strato. È conveniente e facilmente disponibile ma si strappa facilmente e non resiste bene all’umidità o alla maggior parte dei prodotti per la pulizia. Le carte stagnola e floccata hanno basi in cellulosa con un sottile strato di lamina metallica o una fibra simile al velluto applicata sulla carta.

Erbe naturali e bambù

Realizzato con componenti naturali come juta, sisal, canapa o canne, la tela di erba è tessuta e altamente strutturata. La carta da parati in bambù è realizzata a mano con bambù naturale incollato su un supporto di carta. Nessuno dei due resisterà all’acqua o ai prodotti per la pulizia tradizionali.

Quello che ti serve

Supplies

  • Detersivo per piatti
  • acqua
  • Amido di mais (opzionale)
  • Involucro di plastica (opzionale)
  • Aceto bianco distillato (opzionale)
  • Asciugamani di carta (opzionale)
  • Candeggina al cloro (opzionale)
  • Cotton fioc (opzionale)

Utensili

  • Spolverino o aspirapolvere in microfibra a manico lungo con attacco per tappezzeria
  • Secchio
  • Spugna
  • Panno in microfibra
  • Gomma da cancellare (opzionale)
  • Coltello smussato
  • Ferro (opzionale)

Istruzioni

  1. Rimuovere la polvere superficiale

    Ogni tipo di carta da parati deve essere spolverata mensilmente con uno spolverino in microfibra o aspirata con l’attacco a spazzola per tappezzeria per rimuovere ragnatele, polvere e terra libera. Inizia dalla cima del muro e scorri verso il basso con tratti lunghi e fluidi.

    Mancia

    Anche se hai intenzione di pulire le carte da parati in vinile e fibra di vetro con acqua e sapone, inizia sempre con la spolverata. Questo rimuoverà il terreno superficiale e ti impedirà di spargerlo mentre pulisci.

  2. Mescola la soluzione detergente

    Per pulire la carta da parati lavabile in vinile e fibra di vetro, mescola due cucchiai di detersivo per piatti con un litro di acqua calda in un secchio. Mescola bene per disperdere il sapone.

  3. Pulisci le pareti

    Immergi una spugna morbida nella soluzione detergente e strizzala fino a renderla leggermente umida. Inizia nella parte superiore del muro e procedi in sezioni regolari. Questo catturerà eventuali gocciolamenti sporchi che possono verificarsi. Cerca di non saturare eccessivamente lo sfondo o di strofinare troppo vigorosamente.

  4. Asciugare lo sfondo

    Lasciare asciugare all’aria la carta da parati o utilizzare un panno in microfibra per asciugare le pareti a mano.

  5. Ispezionare per le macchie

    Dopo che i muri sono asciutti, ispezionare la carta da parati per macchie specifiche e aree molto sporche. Le aree più sensibili sono attorno alle piastre degli interruttori della luce, dietro i lavandini e le aree che un bambino può raggiungere con un pastello.

  6. Rimuovere graffi, sporco e impronte digitali

    Usa una gomma da masticare per rimuovere delicatamente i segni, il terreno e le impronte digitali. Questo metodo può essere utilizzato su tutti i tipi di carta da parati. Su carta in vinile e fibra di vetro, utilizzare un punto di detersivo per piatti su una spugna bagnata per eliminare le macchie. Risciacqua l’area con una spugna pulita immersa in acqua naturale e strizzata fino a quando non è leggermente umida.

  7. Rimuovere le macchie di grasso

    Applicare una quantità generosa di amido di mais in un quadrato di pellicola per alimenti in plastica. Attacca l’involucro alla carta da parati sopra la macchia di grasso e lascia che l’amido di mais assorba l’olio per almeno 24 ore. Rimuovere e spazzare via l’amido di mais con un panno morbido. Ripetere se necessario.

    Per le macchie di grasso sulla carta da parati in vinile o fibra di vetro, mescola mezza tazza di aceto bianco distillato con una tazza di acqua calda. Immergi una spugna in questa soluzione e applicala sulla zona macchiata. Asciugamano asciutto e ripetere se necessario.

  8. Rimuovere i segni di pastello

    Usa un coltello smussato o il bordo di una carta di credito per rimuovere delicatamente la cera in eccesso. Posizionare diversi strati di tovaglioli di carta bianca sui segni e premere con un ferro da stiro (senza vapore) sull’impostazione più bassa. La cera si trasferirà sui tovaglioli di carta. Ripetere l’operazione con asciugamani puliti per ciascun segno.

  9. Rimuovere le macchie di muffa

Per le macchie di muffa su carta in vinile o fibra di vetro, mescolare una soluzione di candeggina al cloro da un quarto di tazza e una tazza di acqua. Usando una spugna o un batuffolo di cotone, tamponare la soluzione sulle macchie di muffa. Lasciare agire per cinque minuti e poi asciugare con una spugna immersa in acqua normale. Ripeti se necessario.

Leggi anche  Come rimuovere i segni di graffio